Terra di escursionisti

Dal 2015 La Val è la prima meta escursionistica certificata in Alto Adige, e un precursore del progetto “European Hiking Villages”.

Al primo simposio internazionale delle terre di escursionisti, tenutosi nei giorni 23-25 giugno 2015, durante una cerimonia ufficiale le autorità della destinazione La Val hanno ottenuto la certificazione ufficiale.

Parte della realizzazione “passo dopo passo” di questo progetto sostenibile e di lungo respiro consisteva proprio nella certificazione del paese, delle aziende partecipanti e dei sentieri. La base sulla quale si è lavorato era contenuta nel catalogo dei criteri identificativi delle terre di escursionisti austriache, adattata alla realtà altoatesina. I requisiti per la certificazione sono suddivisi in quattro sistemi: „Sistema dello spazio“, „Sistema dell’esperienza“, „Sistema dell’orientamento“ e „Sistema del servizio“.

Il paesaggio offre i presupposti per esperienze sensoriali, dando vita ad una dimensione per vivere esperienze in prima persona.
In questo contesto, il paese, punto di partenza dell’escursione, assume un ruolo di rilievo. Posizione e offerta di servizi sono chiaramente riconoscibili in un concetto che funge da filo rosso e in una dimensione dall’atmosfera curata.
Il sistema di sentieri. Un sentiero ad anello attorno alla località, il “biglietto da visita vivente del paese” unisce i principali luoghi di interesse, creando un rapporto dinamico tra paese e paesaggio.
L’itinerario, un sentiero principale che funge da sentiero escursionistico del paese, rappresenta la colonna portante dell’ampia rete di sentieri. Una rete integrativa di sentieri, che offre molteplici variazioni di percorso con la possibilità di vivere esperienze diverse, rispondendo alle esigenze dei gruppi target.

Il valore dell’esperienza offerta da un paese consacrato al trekking si fonda su elementi paesaggistici particolarmente pregni di significato, in particolare su elementi e scenari legati all’elemento acqua, viste e panorami, paesaggi fatti di rocce, alberi, paludi e boschi, ma anche fauna e flora.
Considerando separatamente le esperienze della natura, dell’acqua, della cultura e del tempo libero, la percezione del potenziale esistente e applicato si affina.
L’obiettivo in seno alla valutazione del paese è prendere consapevolezza di questo potenziale e della possibilità di sfruttamento.
Le esperienze attraverso l’escursione iniziano in linea di massima in paese. Il paese assume il ruolo di narratore che racconta le premesse di questa esperienza, preparando il visitatore a quello che vivrà e offrendogli la possibilità di scegliere in anticipo come muoversi e come orientarsi (stimolare la curiosità rispetto alle esperienze nella natura già in paese).

Il sistema di orientamento parte in paese presso il punto di partenza centrale. Qui viene presentato il sistema di indicazione e orientamento attraverso una cartina ad hoc e un’infrastruttura informativa, e inizia la guida ai visitatori.
Un portale di benvenuto segnala l’arrivo nella località e l’inizio dell’esperienza “paese”.
L’impianto di segnalazione e le denominazioni delle strade contribuiscono all’orientamento; nel caso di località più grandi, un sistema di indicazione del parcheggio (indicazioni per il parcheggio) aiuta a trovare la strada.
Per i sentieri d’escursioni che non partono direttamente dalla località sono previsti dei collegamenti logistici con il paese e un relativo punto di partenza ovvero dei portali di indicazioni del percorso.

La catena di servizi a cura di specialisti del trekking selezionati (strutture ricettive e informazioni turistiche) inizia nel paese, come parte di un punto di partenza emozionale dell’escursione. A tal proposito si attendono strutture caratterizzate da configurazioni autentiche e adeguate, conoscenze a livello di trekking del personale e materiale informativo adatto.
Sono considerati elementi necessari anche un’offerta corrispondente di escursioni guidate, un servizio di trasporto e mobilità adeguato alla località e una figura incaricata per i sentieri (guardiano dei sentieri).
A rendere un paese consacrato al trekking sono un vero “punto di partenza” in posizione centrale, idealmente nelle immediate vicinanze dell’ufficio di promozione turistica e, in base alla situazione e alle necessità, ulteriori punti di partenza generali delle escursioni (presso le stazioni a monte degli impianti o presso altre località adeguate) e portali, punti di partenza dei tour, nel punto in cui il sentiero diventa “sentiero d’escursione”.

Gli specialisti delle escursioni di La Val rispondono inoltre alle seguenti condizioni

  • Punto di partenza delle escursioni con cartine panoramiche e tavole informative
  • Angolo info contenente informazioni su escursioni con guida, proposte di escursioni, carte escursionistiche, libri e prospetti.
  • Possibilità di lavare ed asciugare scarpe e abbigliamento tecnico da trekking (eventualmente a pagamento).
  • Noleggio gratuito di zaini e bastoni da passeggio.
  • Una escursione guidata alla settimana in compagnia del titolare della struttura ricettiva compresa nel prezzo.
  • Una escursione guidata alla settimana organizzata dall’associazione turistica compresa nel prezzo.
  • Addetti al noleggio competenti ed esperti di escursioni (corsi di formazione a cadenza annuale).
  • L’attività si trova direttamente in prossimità della rete di sentieri.

Unico nel suo genere

Cosa differenzia la terra di escursioni La Val dalle altre mete?

In particolare l’energia delle persone, l’amore per la natura e la cura dell’eredità culturale sono gli ingredienti che rendono questo paese alla pendici dei monti della Val Badia unico nel suo genere. Circondato dalle montagne più belle – le Dolomiti, nel mezzo di un paesaggio naturale intatto e caratterizzato dalla semplicità della tradizione contadina, il paese di La Val è un’oasi tutta da scoprire per gli escursionisti più esigenti e coloro che cercano la quiete. Qui, il ritmo della vita rallenta repentinamente, dando agli ospiti la possibilità di dedicarsi a numerose attività.

Vieni a scoprire antichi masi, trattorie caratteristiche, rifugi idilliaci, e ristoranti dalla cucina autentica, oltre a strutture ricettive adatte ai bambini ed alle famiglie. Di seguito la lista degli alloggi (hotel, appartamenti per vacanze & residence, agriturismi e B&B) a La Val – Alta Badia.

Escursioni in Alto Adige

Un luogo di escursioni all’insegna della quiete e del riposo in Alto Adige.

In qualità di terra di escursioni certificata La Val vanta una rete di sentieri impeccabili e ben contrassegnati. Tru de Paisc (il prospetto del paese vivente) Tru de meditaziun (il sentiero della meditazione) Roda dles Viles o il Tru di Pra (il sentiero dei prati di montagna). QUI troverai ulteriori informazioni sullla grande varietà di escursioni che ti attendono a La Val, in estate ed in inverno…

In primavera ed in estate l’ambiente montano delle Dolomiti si veste di fiori e e sfoggia tutta la sua incredibile bellezza. Gli esperti di La Val ti daranno consigli utili per una vacanza indimenticabile all’insegna delle escursioni in Alto Adige: per i più mattinieri, i romantici, gli amanti dello scatto fotografico assistere ad un’alba (Enrosadira) nel cuore delle Dolomiti è un’esperienza indimenticabile! Anche gli ospiti più attivi ed esigenti troveranno la meta ideale per le loro vacanze in Alta Badia: innumerevoli sentieri per ciclisti – per biciclette da corsa o mountain bike – nordic walking, sentieri per i runner, voli in paraglide: non resta che scegliere.

In inverno l’aria frizzante di montagna, le cime innevate e l’incredibile quiete in cui ci si immerge durante lo sci da fondo sulla pista ecologica Armentara o le escursioni con le ciaspole alle pendici di Monte Cavallo, invitano a partire alla scoperta di questo incantevole territorio. Non manca l’offerta sciistica: le piste del circuito Dolomitisuperski sono poco distanti e raggiungibili direttamente con lo skibus.

Go top